L’ipocrisia di Renzi che non vuole le slot nei bar ma non rinuncia agli euro dal gioco d’azzardo

Ritiro delle 26867

Hanno fatto molto discutere le parole con le quali Matteo Renzi, in una intervista a Vita. Un'idea che per il momento somiglia più a una boutade, considerando il punto a cui è giunta la discussione sul gioco d'azzardo e, soprattutto, le posizioni già espresse più volte dal Governo. Tra un rinvio e l'altro, si è fermato tutto, e ora si attende il parere della Conferenza Stato-Regioni che, come scritto nella legge stabilità, deve occuparsi della questione della presenza territoriale dei giochi, che è il terreno su cui si gioca la vera partita. La palla è in mano al sottosegretario Baretta, che dovrà trovare una sintesi fra le resistenze delle Regioni e dei Comuni e le esigenze finanziarie del Governo. Nel frattempo, in legge di stabilità sono stati inseriti alcuni emendamenti che hanno consentito di recuperare le risorse inizialmente collegate al ddl sul riordino dei giochi. Insomma, al posto di un ddl organico sono state approvate una serie di misure specifiche, tra cui :. Come avemmo modo di raccontarviad esempio, negli anni si è riscontrato il paradosso della crescita del volume di giocate mentre le entrate per le casse dello Stato rimanevano costanti.

I Soggetti del sistema VLT

Non è per niente facile capire quando una slot deve pagare. Da una mia esperienza personale posso garantirvi affinché ho fatto tantissime vincite, spesso alte e solo poche volte ho disperato. Il problema è quanto ho disperato. Il discorso è strettamente legato al budget che destinate al gioco. Quando giocate alle slot machine non è necessario conoscere regole complicate, il andamento delle slot è sempre lo identico : caricate i soldi, selezionate la puntata da fare, selezionate le linee di pagamento, girate e sperate di fare una bella vincita.

Come capire se una slot deve pagare

Quando si parla di VLT si fa spesso riferimento alle slot-machine di cui sono in qualche modo i fratelli maggiori. La caratteristica principale di questi apparecchi elettronici è quella di individuo un terminale, in cui non è fisicamente presente alcuna scheda di divertimento. In pratica parliamo di una agguato di apparecchi sul quale girano una serie di programmi che solo in parte sono residenti e che vengono richiamati a video dai giocatori. Se agli inizi la scelta era notevole limitata, ad oggi da un estremo è possibile scegliere e giocare insieme un gran numero di opzioni. Il meccanismo di gioco è sempre lo stesso: una serie di rulli e di simboli che allineandosi creano combinazioni a volte vincenti.

Leave a Reply

Your email address will not be published.*